Russia, medico uccide paziente con un pugno: le immagini fanno il giro del mondo

By | gennaio 11, 2016
1016303_it_x-site_110716_countdown_bfweek_assoc_300x250

Belgorod, nell’ospedale russo un medico ha ucciso con un pugno un paziente di 56 anni: le immagini stanno indignando il mondo intero.

Stanno facendo il giro del mondo e lasciando senza parole milioni di persone alcune particolari immagini che arrivano direttamente dalla Russia, dove un uomo di 56 anni è stato ucciso con un pugno da un medico all’interno dell’ospedale dove si era recato, forse ubriaco. Ecco nello specifico quanto accaduto. Il terribile fatto, per essere più precisi, è avvenuto all’interno dell’ospedale di Belgorod, città della Russia europea occidentale, e le immagini che stanno indignando il mondo intero sono state nello specifico riprese dalle telecamere di sorveglianza dell’ospedale stesso. La vicenda, secondo quanto trapelato dalle prime indiscrezioni, avrebbe avuto luogo già alcuni giorni fa ed esattamente lo scorso 29 dicembre 2015 quando il cinquantaseienne il cui nome, secondo quanto riportato da LifeNews TV, sarebbe Yevgeniy Bakhtin residente proprio a Belgorod, si sarebbe recato nell’ospedale sopra citato dove, avrebbe importunato un’infermiera.

Nello specifico, secondo le prime indiscrezioni, l’uomo avrebbe dato un calcio all’infermiera e successivamente avrebbe continuato ad importunarla motivo per il quale il medico identificato dai poliziotti russi con il nome di Ilya Zelendinov , si sarebbe accanito con violenza contro il paziente colpendolo in pieno viso con pugni e provocandone, anche se non intenzionalmente, la sua morte. Colpito da un fortissimo pugno, infatti l’uomo è morto a causa di un trauma cranico provocato proprio dall’atroce violenza con cui era stato sferrato il colpo.

Il video della brutale aggressione ha fatto in giro del web ed è stato trasmesso dalle televisioni di tutto il mondo e, come riportato dai media russi, gli inquirenti hanno adesso aperto un’indagine per omicidio colposo nei confronti del medico sopra citato.