Facebook, la bufala dei 4,5 milioni di dollari

By | dicembre 30, 2015
1016303_it_x-site_110716_countdown_bfweek_assoc_300x250

Una nuova bufala sul social promette una ricompensa nel caso in cui gli utenti condividano un determinato post; centinaia gli utenti che hanno abboccato.

E’ stato ribattezzato con il nome di “pesce d’aprile posticipato”, ma è l’ennesima bufala che circola, da alcuni giorni, su Facebook. Si tratta di un annuncio che promette una lauta somma di denaro per gli iscritti che postano sul social un determianto post. Insomma una bufala tra le più classiche, ma anche tra le più semplici da smascherare.

Ma incredibilmente un significativo numero di iscritti su Facebook ha abboccato in pieno alla bufala e, credendo che Mark Zuckerberg controllasse uno ad uno i vari post dei miliardi di iscritti, ha deciso di condividere l’annuncio. A smascherare la falsa notizia è stato Paolo Attivissimo, famoso giornalista esperto nel campo delle bufale sui social.

Sarebbe di 45 miliardi di dollari la somma che Facebook donerebbe, sotto forma di azioni, con una significativa quota del 10%, destinata agli utenti che pubblicano l’annuncio. La falsa notizia si basa su un dato reale cioè l’attività benefica del numero uno del social; una beneficenza che però è destinata a determinate organizzazioni umanitarie.