Siccità con caldo e insetti: record 2015 per crisi agricoltura al Nord Italia

By | dicembre 29, 2015
1016303_it_x-site_110716_countdown_bfweek_assoc_300x250

Allarme caldo al Nord Italia, siccità colpisce i raccolti a causa di insetti e poca acqua: Coldiretti spiega i rischi.

Lo sapevamo tutti ma questa di oggi conferma la teoria che ques’anno era l’anno della siccità. Con il caldo in pieno inverno una cosa che peggiora di giorno in giorno, per non parlare poi dello smog che ci sta mangiando vivi. Il 2015 rischia di essere ricordato come l’anno che ha fatto tremato gli agricoltori del Nord Italia per via di fattori diversi ma strettamente correlati tra loro. Una situazione che, secondo l’allarme siccità di Coldiretti, sta degenerando tanto da far ricordare le esperienze già vissute negli scorsi anni, come le crisi del 2007 e del 2012 che hanno già creato danni ingenti in termini economici e non solo. Non è dunque solo lo smog a coprire le grosse città del Nord Italia come Milano e Venezia, quest’ultima colpita da una bassa marea ai limiti delle fondamenta storiche.

A confluire sulla tragica crisi dovuta alla siccità di questi mesi sono sicuramente fattori come l’eccessivo caldo che, di conseguenza, privano le grandi montagne delle scorte di neve e di ghiacci utili per mantenere in equilibrio le temperature: anche per questo, gli insetti- nemici del freddo- trovano un’atmosfera ottima per la loro riproduzione, la quale minaccia di fatto l’agricoltura e i raccolti per via dell’infestazione prevista nel caso in cui l’invero vero e proprio temporeggi ancora ad arrivare. Una tempesta di caldo sfiora i limiti dei record. Adesso toccherà sperare che il 2016 possa regalarci qualche fiocco di neve in più.