Perugia: donna morta in casa colpita da numerose coltellate, interrogato marito e figli

By | dicembre 29, 2015
1016303_it_x-site_110716_countdown_bfweek_assoc_300x250

Donna di 55 anni trovata morta nella sua casa a Città di Castello colpita da circa 10 coltellate, suicidio o omicidio?

Femminicidio a Città di Castello, trovata senza vita all’interno della sua abitazione Anna Maria Cenciarini, era questo il nome della donna di 55 anni di Città di Castello, comune italiano della provincia di Perugia in Umbria, trovata priva di vita all’interno del suo appartamento sito sulle colline intorno al paese sopra citato. Nello specifico la cinquantacinquenne sarebbe morta colpita da circa dieci coltellate e al momento non è ancora chiaro se si è trattato di un caso di suicidio oppure di omicidio. Al momento della tragedia era presente in casa il figlio minore della donna, un giovane di appena 20 anni, il quale avrebbe raccontato di aver visto la madre, in pigiama, che si colpiva ripetutamente con un coltello che successivamente sarebbe stato ritrovato proprio accanto al corpo senza vita di Anna Maria Cenciarini. A far scattare l’allarme però, secondo quanto trapelato dalle prime indiscrezioni, sembrerebbero essere stati il marito della donna e il figlio maggiore che al momento della tragedia si trovavano al lavoro e che hanno ricevuto la telefonata del figlio ventenne che li ha informati su quanto accaduto.

“Ci eravamo sentiti la sera della vigilia per gli auguri. Mia sorella era assolutamente tranquilla e già aveva programmato come passare l’ultimo dell’anno. Queste sono cose che quando le vedi in tv pensi possano accadere solo agli altri”, sono state le parole pronunciate dal fratello della vittima che ha anche definito la famiglia della sorella “normale”.

Gli inquirenti stanno adesso indagando nella speranza di poter fare presto luce sulla questione e al momento, come sopra anticipato, sono seguite due diverse piste ovvero quella del suicidio e dell’omicidio familiare. Il figlio ventenne presente in casa al momento del fatto è stato portato in caserma e interrogato come persona informata sui fatti.