Parcheggio google maps, ci indica dove trovare il posto libero

By | gennaio 23, 2017

Parcheggio google maps in arrivo

Google Maps è un servizio che da otto anni ci accompagna consentendo la ricerca e la visualizzazione di carte geografiche, con relative distanze e percorsi, di parecchi luoghi del nostro Pianeta. Un Atlante virtuale, sempre a portata di mano, con cui navighiamo tra le strade di città a noi distanti, esploriamo edifici e musei o con cui possiamo avventurarci in un giretto sulla Luna. Le funzioni che Google Maps mette a nostra disposizione sono molteplici. Inoltre, è di grande utilità grazie anche alla versione più sofisticata di Google Heart. Scopriamole insieme per arrivare poi a conoscere l’ultima geniale “pensata” di Google.  Il parcheggio google maps, che ti permetterà  di trovare il parcheggio libero più vicino, attraverso un nuovo aggiornamento.

Parcheggio Google Maps, la conoscenza va oltre la Terra

Google maps, oltre ad avere una potente piattaforma di mappature, ha servizi pensati per sfruttare al meglio la conoscenza di strade e percorsi. Permette, infatti, di visualizzare il percorso di un viaggio ma anche di scegliere il mezzo di trasporto utilizzato e le eventuali tappe in programma. Il servizio Street View mette a disposizione una serie di fotografie a 360° riprese in tantissime località della Terra. Non sono immagini in tempo reale, dato che sono state scattate da automezzi dotati di fotocamere, ma permettono di esplorare vari punti del Pianeta, osservare meraviglie naturali come le cascate del Niagara o salire qualche piano della Torre Eiffel. Addirittura, tantissimi luoghi si possono visitare in 3D se si hanno a disposizione dei comuni occhialini tridimensionali.

Ecco gli altri servizi di google

Altri servizi attivi sono Google Transit, per creare un itinerario esclusivamente con mezzi di trasporto pubblici, o Google My Maps, per creare proprie mappe sovrapponendo alle immagini di Google Maps percorsi, segnaposto e poligoni. Per poter accedere alle mappe e usarle come veri e propri navigatori satellitari esiste un’applicazione chiamata Google Maps Mobile. Per scaricarla occorre essere in possesso di un dispositivo mobile che supporti la piattaforma Java o che sia basato sui sistemi operativi Android, Windows Mobile, iOS, Symbian OS o Palm OS. Altra condizione è disporre di una connessione a internet via GPRS, HSDPA, LTE o UMTS.

Una funzione utile per tantissimi utenti è quella che, attraverso un piccolo clic sulla dicitura “traffico”, permette di osservare le strade principali di molte città del mondo. In questo modo si possono ottenere informazioni in tempo reale sulle condizioni del traffico. Se la linea della strada è verde significa che su quel tratto le macchine scorrono senza ingorghi, se è rossa è meglio cercare una strada alternativa. Infine, Google Maps trasporta oltre i confini della Terra attraverso Google Moon e Google Mars. Si può volare fin sopra la Luna nei punti in cui sono atterrate varie missioni spaziali o scoprire le mappature di Marte.

Addio alla difficoltà di trovare un parcheggio grazie a Google Maps

E’ in arrivo, tra poche settimane, un nuovo aggiornamento di Google Maps che aiuterà migliaia di utenti nell’estenuante ricerca del parcheggio. Per il momento il download sarà disponibile solo negli Usa, sia su App Store che su Google PlayStore.

Di quale funzionalità stiamo parlando? Scaricando l’upgrade di Google Maps alla versione 9.44 (solo per Android) gli utenti, accanto al tempo stimato di arrivo e alla distanza da percorrere prima di giungere alla destinazione inserita, vedranno comparire un nuovo simbolo. Sarà inserito tra le informazioni della destinazione e sarà rappresentato, naturalmente, dalla lettera “P”.

Sarà di colore blu per indicare le opzioni di parcheggio “Easy” o “Medium”; rosso nel caso in cui la reperibilità di un parcheggio si prevede difficile.

Inizialmente il servizio non sarà in tempo reale, ma si presume che successivamente si riuscirà a renderlo realt time. Le indicazioni relative alla possibilità di trovare parcheggio riguarderanno solo i luoghi di grande concentrazione; aeroporti, ristoranti, centri commerciali e zone di interesse turistico. Non resta che aspettare e sperare che questa nuova funzione di Google maps aiuti i tanti automobilisti, impegnati quotidianamente nella ricerca di un parcheggio libero, a risparmiare tempo e carburante.