Come le leggi italiane influenzano e mettono in regola il gioco d’azzardo online

By | ottobre 30, 2016
1016303_it_x-site_110716_countdown_bfweek_assoc_300x250

Da secoli il gioco d’azzardo è presente nella nostra società. Si è evoluto, modificato, ma la capacità attrattiva è rimasta la stessa di sempre. Oggi, come nel medioevo, il fascino dell’incertezza, della probabilità e del rischio cattura tantissime persone che si ritrovano a giocare scommettendo su un futuro imprevedibile.

Il gioco d’azzardo è arrivato a diffondersi anche online. Grazie ad Internet è possibile entrare in un casinò online ed accedere alla propria Las Vegas personale in qualsiasi momento e da qualunque posto incrementando, così, il numero dei giocatori d’azzardo. La rete non ha solo ridotto la distanza tra sale da gioco e giocatore ma ha anche facilitato i pagamenti.  Tramite conti online, portafogli virtuali e carte prepagate basta un click per trasferire denaro.

E’ qui che lo Stato interviene. Dove non arriva la capacità del singolo a gestire una situazione rischiosa arrivano le leggi. L’obiettivo è cercare di arginare tale situazione prima che degeneri. In questo articolo vedremo come le leggi italiane influenzano e regolano il gioco d’azzardo.

La legislazione nazionale italiana e il gioco d’azzardo

Non si può non tener conto del fatto che il gioco d’azzardo sia una delle fonti di maggior guadagno per i Governi che hanno bisogno di registrare entrate importanti. Nel 2015, in soli quattro mesi, l’Erario ha visto confluire nelle proprie casse quattro miliardi di euro. Da un punto di vista etico e morale, però, non intervenire legislativamente per tutelare la sicurezza pubblica, dei minori o dei soggetti più deboli sarebbe impensabile e inaccettabile.

Nel corso degli anni, in Italia, ci sono stati periodi in cui è stato usato il pugno duro contro il gioco d’azzardo e momenti in cui si sono concesse maggiori legalizzazioni. L’esecutivo di Renzi sta cercando di intervenire per cercare di frenare il gioco basandosi soprattutto sulla prevenzione. Non si può impedire ma neanche agevolare.

La Legge di Stabilità del 2016 ha stabilito un aumento della rata da versare per la proroga delle concessioni da 2800 euro a 5000 euro al mese o frazione di mese (superiore ai 15 giorni), e dai 1400 euro ai 2500 euro se la frazione di mese è inferiore ai 15 giorni. Sono state rinnovate 15000 concessioni in scadenza nel 2016 a fronte delle 17000 presenti in Italia e, inoltre, il governo ha aumentato il prelievo fiscale applicato sugli apparecchi da intrattenimento arrivando ad una tassazione del 15% sulle slot machine e del 5,5% sulle Videolotteries. Parliamo di 500 milioni di euro in più di incassi.

Quali sono le limitazioni dei giochi d’azzardo online?

Per quanto riguarda i giochi d’azzardo online è previsto, dalla legge italiana, che i concessionari mettano a disposizione strumenti che garantiscano l’esclusione dei minori dall’accesso al gioco e l’obbligo di esporre in maniera visibile il divieto in ogni ambiente virtuale di gioco. Inoltre, deve essere data la possibilità al giocatore di accedere ad un “conto di gioco”, un’autolimitazione obbligatoria per fissare un proprio limite settimanale o mensile di spesa. Se il limite viene superato, il sistema inibirà immediatamente l’accesso al sito.

I giocatori possono auto-escludersi dal sito del concessionario a condizione che non vi accedano più. C’è un continuo monitoraggio da parte dell’anagrafe dei conti di gioco reso possibile dal fatto che, all’apertura del conto, ogni giocatore deve fornire il proprio codice fiscale. Attraverso un sistema di controllo vengono tracciate e memorizzate tutte le transazioni effettuate da ogni singolo giocatore italiano.

Passatempo frivolo, vizio immorale, fonte di entrate o patologia? Il gioco d’azzardo è tutto questo. Il fatto che sia legale non significa che sia lecito indebitarsi o portare una famiglia alla rovina ma d’altronde gli uomini si distinguono dagli animali perchè hanno la facoltà di pensare e di scegliere da soli quali comportamenti adottare. Nel bene e nel male.