Allerta pesce palla maculato in Italia.

By | aprile 21, 2016
1016303_it_x-site_110716_countdown_bfweek_assoc_300x250

Importante avviso diramato dall’Ispra ai pescatori e agli amanti del pescato in Italia: è stato avvistato un esemplare di pesce palla maculato (nome scientifico Lagocephalus sceleratus). Per chi si stia già leccando i baffi, pregusstando la sua carne preparata con maestria alla maniera giapponese, sappia che prima dovrebbe far testamento. Il pesce palla maculato può provocare la morte sia se si ingerisce la sua carne, sia che si entri in contatto con il pesce o con altri pesci contaminati. E’ un grosso problema, in quanto il pesce in questione è stato avvistato in acque calabresi, ma tempo fa anche nelle coste pugliesi. Segno che il riscaldamento globale ha favorito la creazione dell’ambiente ideale per la proliferazione della specie. Nazioni come Israele, Grecia, Turchia e Libano hanno già avuto casi di intossicazione da tetradotossina, un veleno potente che paralizza all’istante i muscoli. Inutile dire che se dovesse proliferare e spostarsi rapidamente, rovinerebbe l’estate e la salute dei natanti del Belpaese. Riconoscere l’esemplare è semplice: ha grosse mandibole con due denti imponenti, non ha squame bensì puntini neri sul dorso.  Chi lo avvista, è pregato di inviare una mail a pescepalla@isprambiente.it, specificando la zona d’Italia e il numero di esemplari visionati o pescati.