Genova e la nuove ordinanze antialcol per la movida.

By | aprile 20, 2016
1016303_it_x-site_110716_countdown_bfweek_assoc_300x250

La movida a Genova non sarà più la stessa questa estate con le nuove regole antialcol.  Il sindaco Marco Doria ha dichiarato guerra ai finti minimarket che smerciano alcol  o peggio a tutte le ore, regolando si fatto anche le altre attività commerciali.

Quindi, minimarket chiusi dalle 21, dalle 22 tutti gli esercizi commerciali con vendita di prodotti alimentari dovranno rifiutarsi di vendere bevande di qualunque genere. Le ordinanze parlano chiaro: focaccerie, paninerie, ristori e quant’altro nel centro storico della città ligure non potranno neanche vendere una bottiglietta d’acqua dopo le 22. Bandite anche le bibite analcoliche in lattina e in bottiglia, il pericolo è il camuffamento di alcolici per trasgredire alle ordinanze.

Il sindaco spiega che si sono rese necessarie misure drastiche in quanto il divertimento spesso sfocia in gravi danni a persone e cose e bisogna tutelare i turisti e chi vive a Genova. Le ordinanze più dure interessano la zona di Sampierdarena, dove addirittura i circoli privati dovranno interrompere le attività a mezzanotte, causa rumore.

Per tutti gli altri, da domenica a giovedì sarà sospesa la somministrazione di bevande e alimenti entro le ore 1, mentre venerdì, sabato e prefestivi si potrà bere e mangiare fino alle 2. Il sindaco si rende conto che sono provvedimenti duri, però possono essere modificabili qualora gli esercizi commerciali rispettino le nuove regole antialcol alla lettera.