Ortoressia che cos’è

By | aprile 17, 2016
1016303_it_x-site_110716_countdown_bfweek_assoc_300x250

Chi soffre di allergie alimentari sa bene che deve smettere di assumere cibi elaborati. Gli esperti, in questi anni, hanno riscontrato l’insorgere di una particolare patologia, chiamata ortoressia. Essa non è altro che paura della chimica, a tal punto che alimentarsi e usare prodotti naturali diventa una vera e propria ossessione e si ha terrore dei prodotti chimici.

I vari metodi per evitare contaminazioni e pericoli derivanti da intolleranze e allergie alimentari fanno a capo a un’unica soluzione, ossia mangiare frutta e verdura di stagione, meglio se biologica per evitare pesticidi e additivi chimici. Oltre a quello, si possono mangiare carni bianche e rosse che siano provenienti da allevamenti garantiti. Inutile dire che chi soffre di patologie alimentari deve consultare un medico.

Il metodo migliore per evitare molti dei contatti indesiderati sarebbe incrementare il consumo di prodotti freschi, frutta e verdura di stagione di possibile coltivazione biologica, carni bianche o rosse purché provenienti da allevamenti della filiera, e naturalmente contattare un medico ai primi sintomi sospetti, quando un dolore alla fine del pranzo, o un gonfiore a distanza di qualche ora dalla digestione, avverte che è in atto una allergia. E da qui, parte l’ortoressia. Si compra pane senza glutine, latte senza lattosio e affini perché si è convinti che sia il meglio per il proprio corpo.

L’ortoressia è come essere bulimici o anoressici: appena si mangia un alimento che non ha i requisiti di cui sopra, il soggetto vomita. L’obiettivo dei malati non è dimagrire, bensì stare bene attraverso l’alimentazione mirata. Un panino al Mc Donald’s come l’insalata confezionata possono scatenare una crisi, tanto che la persona o si rifiuta di mangiare alimenti diversi da frutta e verdura freschi, oppure si ingozza per poi rimettere tutto il pasto.