Ricoveri appropriati: si potrebbero dimezzare i morti per malattie gastrointestinali

By | febbraio 20, 2016
1016303_it_x-site_110716_countdown_bfweek_assoc_300x250

L’associazione italiana gastroenterologi e endoscopisti, in occasione del convegno “Appropriatezza: valore determinante per il Sistema Sanitario Nazionale. Il contributo della gastroenterologia ha presentato uno studio della durata quinquennale, dal 2010 al 2014, condotto su 4,8 milioni di casi di ricovero negli ospedali di tutta Italia, per motivi legati a problemi dell’apparato digestivo.

Da questo studio derivano dei dati allarmanti: innanzitutto, solo il 7,4% dei pazienti affetti da malattie gastrointestinali, è stato curato da un gastroenterologo e i dati di mortalità dimostrano come, tra i pazienti affetti da tale tipo di patologia, gli exitus siano pari a 2,2% nei reparti di gastroenterologia è del 4,1% negli altri reparti, un dato quasi doppio.

Questo dimostra chiaramente che, a fronte di ricoveri appropriati, la mortalità dei pazienti potrebbe quasi dimezzarsi. I dati indicano che i pazienti sono distribuiti per il 49.8% in chirurgia, il 23,9% in medicina, il5% in pediatria e il 13,6 in altre unità.