Facebook e Instagram mettono al bando il commercio di armi tra privati

By | gennaio 31, 2016
1016303_it_x-site_110716_countdown_bfweek_assoc_300x250

Due importanti ”Social” Facebook e Instagram, hanno annunciato che da oggi vietano lo scambio e la compravendita di armi tra privati, tramite il loro Social. Facebook e Instagram, hanno fatto le cose per bene a metà, a dire il vero, perché la decisione vale solo per gli scambi privati, non per la pubblicità di aziende e negozi autorizzati al commercio di armi.

Il presidente Obama, da tempo preme per arrivare a una riduzione della diffusione di armi, annunciando anche provvedimenti severi, senza aspettare l’approvazione del Congresso. Facebook e Instagram, hanno parzialmente accolto le pressioni del Presidente che puntava a un divieto più radicale tramite i social. Probabilmente, sulla decisione limitativa, ha pesato l’aspetto dell’interesse economico, certo lo scambio tra privati non porta vantaggi ai due Social, la pubblicità delle aziende si.

Possedere un’arma, non è sinonimo di civiltà, neanche di inciviltà, ma anche togliendosi dall’ambito americano, un dato eclatante deve far riflettere: Nella Repubblica sudafricana, a Johannesburg, tutti possiedono un’arma; su una popolazione che è un terzo di quella di Londra, gli omicidi sono16 volte tanto. A che servono, quindi tutte quelle armi?